Sportpro.it
Temi e problemi dello sport moderno. Pubblicazione telematica indipendente in linea dal 1998 - Direttore: Eugenio Capodacqua
Europei 2018, Trentin sprinta nell'oro
Con Cimolai nella fuga giusta a Glasgow piazza una volata irresistibile
Primo oro per il Ct Azzurro Cassani: `Sono stati magnifici`. Il trentino: `Grande soddisfazione dopo 8 mesi di problemi e sofferenze Ringrazio tutti i compagni`
Ci sono voluti cinque anni e finalmente anche per il Ct azzurro Davide Cassani è arrivata la prima medaglia d'oro. L'oro azzurro arriva grazie a Matteo Trentin, “trentin” di nome e di fatto essendo di Borgo Valsugana, che ha vinto in una volata a cinque la prova in linea per professionisti ai Campionati europei 2018. A lanciare il 29enne azzurro verso il successo e' stato il compagno di squadra Cimolai, prezioso supporto nella fuga buona nata ad una quarantina di chilometri dal traguardo su iniziativa del tedesco Denz. In dieci hanno dato vita all’episodio decisivo: Matteo Trentin e Davide Cimolai (Italia), Wout Van Aert e Xandro Meurisse (Belgio), Maurits Lammertink e Mathieu Van Der Poel (Paesi Bassi), Nico Denz (Germania), Pierre-Luc Perichon (Francia), Michael Albasini (Svizzera), Jesus Herrada Lopez (Spagna) ed Emils Liepins (Lettonia). Poi una caduta nel tratto finale del percorso, viscido per la pioggia, ha tagliato fuori dalla volata cinque avversari e a disputarsi le medaglie sono rimasti Trentin, Cimolai, l’olandese Van Der Poel, lo spagnolo Herrada, il francese Perichon. Sprint senza storia per l’azzurro e madaglia meritatissima per il team di Cassani, che in questa uscita non ha sbagliato una mossa, controllando prima la fuga di giornata ed infilando due atleti di peso nella fuga giusta. L’Italia del pedale dopo l’oro femminile della Bastianelli sullo stesso circuito, ha un importante guizzo d’orgoglio e dimostra come nelle gare di un giorno possa ancora dire la sua.
Trentin, che veste la maglia della Mitchelton-Scott, è professionista dall'agosto 2011. Veloce e resistente sulle bravi salite, a suo agio sul pavè e sui terreni insidiosi, era fra i favoriti sul circuito a strappi di Glasgow; un percorso non difficilissimo, ma traditore per le molte curve e il fondo bagnato. Specie dopo il ritiro (a meno 100 dall’arrivo) del campione europeo uscente, l’iridato Sagan, in evidente condizione di forma non sufficiente su un tracciato che richiedeva continue accelerazioni e rilanci dopo le curve, dunque tanto esigente. Trentin aggiunge questa perla ad un palmares già robusto: una tappa al Giro d'Italia (nel 2016), due al Tour de France (una nel 2013 e una nel 2014) e quattro alla Vuelta a España (nel 2017), oltre a due edizioni della Parigi-Tours (nel 2015 e nel 2017).
`E' incredibile, dopo tutto quello che ho passato...Ma come nazionale ci siamo comportati in maniera perfetta. Voglio ringraziare tutti quelli che mi sono stati vicini, niente mi era andato dritto in questi ultimi 8 mesi. Ora finalmente ecco questa vittoria. Non voglio dimenticare nessuno, è una grandissima giornata`. Così ha commentato il trentino di Borgo Valsugana. `Ci eravamo parlati con Cimolai, doveva attaccare per portare i migliori allo scoperto - dice ancora l'azzurro - La caduta nel finale ci ha semplificato le cose. E' stata una Italia spettacolare`.
`E' incredibile, dopo tutto quello che ho passato...Ma come nazionale ci siamo comportati in maniera perfetta. Voglio ringraziare tutti quelli che mi sono stati vicini, niente mi era andato dritto in questi 8 mesi. Non voglio dimenticare nessuno, è una grandissima giornata` ha detto Trentin. `Ci eravamo parlati con Cimolai, doveva attaccare per portare i migliori allo scoperto - dice ancora l'azzurro -. La caduta nel finale ci ha semplificato le cose. E' stata una Italia spettacolare`.
Il c.t. Cassani è al settimo cielo. Le sue parole rimbalzano nei microfoni radio e tv: “che corsa avete fatto ragazzi!” E poi: `Sono stati tutti fantastici, hanno fatto una gara magnifica e mi hanno emozionato`. E ne ha ben donde; finalmente una tattica ben studiata e azzeccata, grazie anche ad interpreti super che hanno saputo saputo rispettare le consegne con grande fedeltà ed abnegazione.
Ecco il lusinghiero bilancio complessivo degli azzurri a questi europei:
PISTA
ORO - Inseguimento a squadre uomini - Liam Bertazzo, Francesco Lamon, Filippo Ganna, Elia Viviani, Michele Scartezzini
ORO- Corsa a punti donne - Maria Giulia Confalonieri
ARGENTO - Inseguimento a squadre donne - Marta Cavalli, Letizia Paternoster, Elisa Balsamo, Silvia Valsecchi
ARGENTO - Omnium Uomini - Elia Viviani
BRONZO - Omnium donne - Letizia Paternoster
FUORISTRADA XCO
​Argento uomini - Luca Braidot
STRADA
Oro donne in linea - Marta Bastianelli
Oro uomini in linea - Matteo Trentin
  • Trentin sul traguardo di Glasgow
    Trentin sul traguardo di Glasgow
le ultimissime
Proseguendo la navigazione acconsenti all\'utilizzo dei cookie impiegati dal nostro sito.
Per maggiori info