Sportpro.it
Temi e problemi dello sport moderno. Pubblicazione telematica indipendente in linea dal 1998 - Direttore: Eugenio Capodacqua
La Wada ferma anche il laboratorio di Messico City
  • provette1.jpg
Ultimo di una lunga serie di casi preoccupanti
Non operava in conformità con gli standard dell'agenzia mondiale antidoping
MONTREAL - Si allunga la lista dei laboratori antidoping della Wada che fanno registrare criticità che portano alla sospensione dell’attività di analisi. E se da una parte conforta l’attenzione dell’agenzia mondiale all’operato delle strutture accreditate, dall’altra, la dimensione allargata del fenomeno lascia intravedere una pericolosa falla nel sistema di controllo mondiale. ...
leggi articolo
Il commento. La riforma della Wada: solo buone intenzioni. Tempi inaccettabili
  • Il presidente della Wada Reedie
Punizioni per le nazioni inadempienti e sostegno ai `confidenti`
Ma per il regolamento ci vorranno anni. E intanto tutto va avanti come prima
La barca affonda e, come sul Titanic, c’è chi balla allegramente in coperta. Conclusioni severe e principi assolutamente da condividere al termine della riunione del Consiglio della Wada, l’agenzia mondiale, in quel di Glasgow, nello scorso weekend. ...
leggi articolo
Antidoping caos. Il convegno AIMEC: tenda ipobarica consentita?
  • tendaipob191116.jpg
Per la legge italiana (376/2000) resta vietata
La confusione nasce dal fatto che la legge “recepisce” la lista della Wada, come ha fatto nell’agosto scorso con apposito decreto. Ma resta la più completa autonomia per i legislatori locali. E in Italia il divieto è chiarissimo: vedi l'allegato III, paragrafo M1, punto 2
Quando i medici del ciclismo si riuniscono c’è sempre da temere qualcosa. E quel “qualcosa” è puntualmente accaduto. ...
leggi articolo
Il commento. Antidoping inefficiente e inefficace
  • Il presidente della Wada Reedie
Una storia che viene da lontano
Confessione clamorosa di un ex dirigente IAAF: a Los Angeles '84 nascosti alcuni casi di doping per preservare il `buon nome` dei Giochi
ROMA – C’è ancora qualcuno che crede nell’efficacia e nell’efficienza dei controlli antidoping effettuati dal mondo sportivo? I dubbi su strutture chiaramente autoreferenti (controllato e controllore coincidono in uno struidente conflitto di interessi) sono più che legittimi dopo i recenti scandali dell’atletica Russa e kenyana, nonché dopo le accuse di corruzione nei confronti dell’ex presidente IAAF (la federazione atletica internazionale) Lamine Djack, di suo figlio e dei suoi sodali, sfociate in Francia in un procedimento penale ancora in corso.
Ma la storia viene da lontano. ...
leggi articolo
Il caso. Tutti assolti i DS del ciclismo
  • Il manager Gianni Savio
Farsi pagare per correre non è reato
La sentenza del Tribunale FCI: nessuna sanzione per Savio, Reverberi, Citracca.
ROMA – Sarebbe stato davvero un punto fermo sui principi che dovrebbero essere la base di tutti gli sport: lealtà e correttezza. Ma al Tribunale federale della Federciclismo non se la sono sentita di invertire la tendenza e mettere a nudo un mondo di regole confuse, incerte, nebulose; che lascia spazio, come emerso dalla stessa inchiesta, a irregolarità, ricatti, prevaricazioni. ...
leggi articolo
le ultimissime
Proseguendo la navigazione acconsenti all\'utilizzo dei cookie impiegati dal nostro sito.
Per maggiori info