Sportpro.it
Temi e problemi dello sport moderno. Pubblicazione telematica indipendente in linea dal 1998 - Direttore: Eugenio Capodacqua
Armstrong, la strategia dell'apparire per far dimenticare
  • Armstrong pedala dietro un trattore
Foto accattivanti, interviste, viaggi, incontri con personaggi famosi: tutto per uscire dalle ombre del doping
Ma intanto lo Stato respinge le sue obiezioni e gli gli chiede 100 milioni di dollari
Lui si da un gran da fare per far dimenticare. Viaggi (l’ultimo di rilievo in Australia) alla ricerca dei fans perduti; interventi e foto ammiccanti su twitter come pervaso da una fame famelica di essere considerato ed intervistato; strizzatine d’occhio a questo o quell'“amico”. ...
leggi articolo
Coppa del mondo pista 2017 - A Calì la Barbieri sul podio
Terza nell'omnium
Il Ct Salvoldi: `Per l'azzurra un traguardo di grandissimo prestigio`
CALI' (COLOMBIA) - Conferma attesa e puntuale per Rachele Barbieri in Coppa del Mondo. Dopo Apeldoorn, l'azzurra conquista il podio dell'omnium anche a Cali', terza al termine di un serrato duello con l'australiana Amy Cure, che prima della corsa a punti era seconda alle spalle della belga Lotte Kopecky con 10 punti di vantaggio sull'azzurra. ...
leggi articolo
Ruta del sol 2017 - 1t - Valverde è già in forma
Lo spagnolo domina uno sprint a sei
Dopo aver vinto la Vuelta a Murcia continua il momento felice del 36enne leader della Movistar
ROMA - Alejandro Valverde ha vinto la prima tappa della Vuelta a Andalucia-Ruta del Sol, la Rincon de la Victoria-Malaga di 155 chilometri. In uno sprint a sei, il 36enne campione spagnolo della Movistar, gia' trionfatore in questo 2017 nella Vuelta a Murcia, ha preceduto l'olandese Wout Poels (Team Sky) e lo svizzero Sebastien Reichenbach (FDJ), indossando la maglia di leader della classifica generale. ...
leggi articolo
Donati: `Tornassi indietro non allenerei Schwazer`
  • Sandro Donati
`Ho attirato odio su di lui; volevano colpire me`
`Cercherei di aiutarlo in maniera più riservata per non metterlo nei guai`. Il sistema antidoping: `Non c'è modo di difendersi, le provette si possono manomettere, lo prova lo scandalo dei russi`
ROMA - Potendo tornare indietro Sandro Donati non farebbe le stesse scelte. L'allenatore di atletica leggera racconta le sue verità sulla vicenda Schwazer e dalle dichiarazioni rilasciate a 'Tv2000' emerge uno scenario inquietante che alimenta ulteriori dubbi e sospetti: `Oggi non rilancerei la sfida sportiva insieme ad Alex Schwazer, questo per non mettere lui ed io nei guai. ...
leggi articolo
Caso Schwazer: `Iaaf e Wada fanno di tutto per bloccare l'iter delle analisi Dna`,
  • Alex Schwazer
Amara denuncia dei difensori del marciatore
Le provette sono rimaste a Colonia, ma primo o poi dovranno essere consegnate ai Carabinieri del Ris
Alla fine le provette non sono partite da Colonia. Il laboratorio antidoping non ha consegnato, come richiesto dal Gip di Bolzano i test di Alex Schwazer, relativi alla discussa positività del 1° gennaio 2016, che gli è costata l’esclusione dalle Olimpiadi di Rio e la squalifica per 8 anni. ...
leggi articolo
Caso Schwazer, la Iaaf cerca di posticipare il test DNA
  • Alex Schwazer
Ma il giudice di Bolzano respinge la richiesta
L'esame martedì 31 presso il laboratorio del Ris di Parma
BOLZANO - La Federazione internazionale di atletica leggera (Iaaf), gia' al centro di accese polemiche perche' sarebbe stata a conoscenza del doping in Russia, ha cercato di posticipare l'inizio dell'esame del Dna sulle urine di Alex Schwazer. Il giudice del Tribunale di Bolzano, Walter Pelino, non ha, pero', accolto le due richieste confermando che l'inizio delle operazioni sara' martedi' 31 gennaio presso il laboratorio del Ris dei Carabinieri di Parma. ...
leggi articolo
Caso Schwazer, mancano ancora le motivazioni della squalifica
  • Alex Schwazer in gara a Roma
Il 31 prossimo l'esame del Dna
L'avvocato Tiefenbrunner: `Abbiamo solo la spiegazione del no alla richiesta di sospendere lo stop per doping per poter gareggiare a Rio`
A cinque mesi di distanza dalla sentenza di squalifica ancora non c’è traccia delle motivazioni da parte del Tas sulla pena di otto anni inflitta ad Alex Schwazer, il marciatore risultato positivo per la seconda volta ad un test del 1° gennaio 2016 per una quantità infinitesimale di anabolizzante. E quello che succede non aiuta a comprendere. ...
leggi articolo
le ultimissime
Proseguendo la navigazione acconsenti all\'utilizzo dei cookie impiegati dal nostro sito.
Per maggiori info